• giovedì , 17 agosto 2017
Da Sal alla California: Yoga e natura.

Da Sal alla California: Yoga e natura.

Questo mese lascio la parola alla mia cara cugina che vive a Capoverde e ha fatto di una passione la sua vita!

Yoga, la disciplina originaria dell’India è sulla bocca di tutti ultimamente.
IO lo pratico ormai da sei anni regolarmente, e mi rendo conto che la maggior parte delle persone ha un’idea “sbagliata” di ciò che significa praticare Yoga.
C’è chi mi chiede se è una religione, chi è convinto che DEVI essere vegetariano/vegano per poterlo praticare, e chi ancora non si spiega come posso aver sviluppato dei muscoli, se yoga è stare seduti a gambe incrociate, ripetendo strani suoni (OHMMMM).

Anche io avevo un’idea “sbagliata”, fino a che un’amica mi ha convinto a praticare Ashtanga Yoga: MAI avrei pensato che potessi sudare tanto, nel giro di pochi minuti!!! Mai avrei immaginato che potesse essere così fisico. Mai e poi mai avrei potuto prevedere l’effetto che praticare Yoga avrebbe avuto sul mio corpo, e soprattutto sulla mia mente.

La pratica dello Yoga è diventata popolare negli Stati Uniti d’America negli anni 70-80 e ovviamente da li è diventato un vero BOOM: Oggigiorno Yoga è molto più popolare negli stati uniti, che in qualsiasi altra parte del mondo! Esistono mille diversi stili di yoga, per accontentare i gusti di tutti (Hatha, Kundalini, Hot Yoga, Bakhti, Ashtanga, Bikram, Iyengar, Jivamukti, Yin, Vinyasa….), e a dir la verità, ogni professore di yoga ha il proprio stile, la propria “marca” che lo distingue da qualsiasi altro.

Dopo anni praticando Ashtanga e Vinyasa, e seguendo via internet le tendenze americane grazie ad un sito internet assolutamente fantastico (www.yogaglo.com), ho deciso di iscrivermi ad un corso per insegnanti. Non perché volessi diventare un’insegnate di yoga a tempo pieno, ma per poter essere la mia propria insegnate: vivere a Sal mi ha sempre limitato molto la pratica, non essendoci nessuno studio di Yoga, ne tantomeno degli insegnanti validi e costanti.

Quando Kathryn Budig ha lanciato il suo primo corso per insegnanti in collaborazione con la Colorado School of Yoga e Gina Caputo, ho prenotato immediatamente: Un mese in un ranch a Napa Valley, con le mie professoresse preferite in California! Ho prenotato all’istante!!!
Per un anno ho atteso l’inizio del corso e mille erano i dubbi: avrò fatto bene? Ho buttato via soldi? Mi stancherò prima della fine del corso?? Ne varrà davvero la pena?
Oggi posso confermare che è stata la miglior decisione che abbia mai preso!

Non solo il ranch e Napa Valley mi hanno fatto innamorare, ma ho vissuto un’esperienza meravigliosa, ho imparato moltissimo, e guadagnato 37 fantastiche amicizie.
Napa valley è un po’ come la nostra Franciacorta… Ovviamente MOLTO più ampia! Come tutto in America. Con le sue bellissime vallate di vigneti, olivi e boschi, sembra un quadro. Grazie alle immense distanze, il nostro ranch localizzato su una piccola collina non aveva nessun vicino a meno di 7 Km. Un paradiso con pochi bungalow di legno, ed una struttura centrale con ristorante, sala ristorante e sala per pratica di Yoga. Una piscina e idromassaggio all’aperto che ci facevano sentire come principesse durante le POCHE ore libere; un orto fornito di ogni prelibatezza vegetale, ed un cuoco sorprendente, capace di allietare tutti i palati: 35 donne e 3 uomini affamati, con diverse nazionalità e tendenze (vegani, vegetariani, e onnivori). Ogni componente del Teacher Training è ingrassato dai 2 ai 6Kg nonostante l’esercizio diario di 3-4 ore di Yoga Vinyasa!! Miguel, il cuoco, ha decisamente lavorato bene!

image (1)

Ovviamente ho approfittato dell’essere in California per visitare i dintorni: San Francisco e Yosemite Park sono state le due mete principali, e non mi hanno deluso. La città di San Francisco è dinamica, è un mix di culture (messicani e cinesi sono forse più che qualsiasi altra nazionalità), ed essendo una città sul mare ha quel fascino che solo le città sul mare possono avere.

Yosemite… Beh, è uno spettacolo naturale non da poco, ma come tutto in USA, è iper-organizzato. Ti registri all’entrata del parco naturale, e puoi alloggiare in varie zone di campeggio, o nei bungalow attrezzati. Le piazze di campeggio hanno tutte le comodità e sicurezza necessari: accampare è un concetto diverso da quello che pensavo (e temevo)! Tutto facile, comodo, organizzato, pulito, permette fare hiking per arrivare a tutti i punti più famosi del parco, con percorsi ovviamente ben segnalati e facili da vedere.

Comunque, tornando allo yoga: oggi, una anno e mezzo dopo questa esperienza, sono fiera di poter dire che ho aperto il PRIMO e (per ora) UNICO studio di Yoga dell’isola di Sal, a Capo Verde!

Rientrata a Sal carica di informazion, ho sentito il dovere di condividere con altri ciò che ho imparato. Ho iniziato a fare lezione ad amici nella mia veranda di casa, fino a che con un’amica abbiamo deciso di fare il “gran passo”: aprire un vero e proprio studio di Yoga. Lavoriamo soprattutto con turisti ed è impressionante la quantità di persone che mentre sono in vacanza vogliono dedicarsi alla cura del proprio corpo, e godere di 45 minuti di sano yoga. In uno studio piccolo, per massimo 9 persone, possono praticare Yoga in vari stili e livelli (www.yogacaboverde.com)

Tra poco inizierò anche un nuovo progetto, con TUI; l’agenzia di viaggio n°1 a Capo Verde: un’escursione che prevede una visita in un giardino botanico, dove praticheremo yoga sull’erba, a diretto contatto con la Pachamama, risvegliando tramite la respirazione e lo stretching, i 5 sensi.

Vivere a Sal mi aiuta molto a mantenere il contatto con la natura ho la possibilità di praticare yoga all’aria aperta durante tutto l’anno e garantisco che è molto, molto meglio.

image (2)

Quando siamo a contatto con la Terra, riusciamo ad ascoltare meglio il nostro corpo e questo è l’unico “segreto” per essere yogino: saper ascoltare, e non solo sentire ciò di cui il tuo corpo ha bisogno. Respirare in modo cosciente, dando vita ad ogni cellula del proprio corpo non solo per rimanere in vita. Respirare bene è la soluzione per la maggior parte dei nostri problemi. Il mio unico consiglio quindi è:

Inspira; Espira; Ripeti.

Namaste.

Related Posts

Questo sito utilizza cookies per rendere più piacevole la vostra navigazione. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close